Un popolo di “pastofili”

Semola di grano duro e acqua. Nulla più. Ecco quali sono gli ingredienti della pasta, piatto italiano per eccellenza, conosciuto e amato in tutto il mondo. Un semplice piatto di pasta, magari condito con del sugo o delle verdure fresche e un filo d’olio compongono un pasto equilibrato che da la carica e l’energia indispensabile per affrontare la giornata, mantenendo, però, la linea.

Ci sono però alcuni punti importanti da seguire, eccoli!

Quantità di acqua e di sale: l’acqua deve essere 1 litro per ogni 100 g di pasta. Se è in più è solo meglio: la pasta avrà modo di cuocersi come si deve. Il sale, invece, preferibilmente grosso, va calcolato nella misura di 10 g per litro.

Tempi di cottura: i tempi variano da formato a formato e da azienda ad azienda. Il metodo migliore rimane comunque quello dell’assaggio! È preferibile un piatto di spaghetti al dente che non prossimi al colore bianco causa stra-cottura!

E poi ci sono i “mai” della pasta: mai metterla a cuocere insieme all’acqua, mai spezzare spaghetti/bucatini/linguine/fettuccine: se volete la pasta corta, prendete le penne! E mai interrompere la cottura per poi riprenderla: la pasta perderebbe di elasticità e lucentezza, diventando vischiosa e pesante.

← Tutto il Food

WP_Post Object ( [ID] => 7518 [post_author] => 2 [post_date] => 2015-04-28 08:35:07 [post_date_gmt] => 2015-04-28 08:35:07 [post_content] => Semola di grano duro e acqua. Nulla più. Ecco quali sono gli ingredienti della pasta, piatto italiano per eccellenza, conosciuto e amato in tutto il mondo. Un semplice piatto di pasta, magari condito con del sugo o delle verdure fresche e un filo d’olio compongono un pasto equilibrato che da la carica e l’energia indispensabile per affrontare la giornata, mantenendo, però, la linea. Ci sono però alcuni punti importanti da seguire, eccoli! Quantità di acqua e di sale: l’acqua deve essere 1 litro per ogni 100 g di pasta. Se è in più è solo meglio: la pasta avrà modo di cuocersi come si deve. Il sale, invece, preferibilmente grosso, va calcolato nella misura di 10 g per litro. Tempi di cottura: i tempi variano da formato a formato e da azienda ad azienda. Il metodo migliore rimane comunque quello dell’assaggio! È preferibile un piatto di spaghetti al dente che non prossimi al colore bianco causa stra-cottura! E poi ci sono i “mai” della pasta: mai metterla a cuocere insieme all’acqua, mai spezzare spaghetti/bucatini/linguine/fettuccine: se volete la pasta corta, prendete le penne! E mai interrompere la cottura per poi riprenderla: la pasta perderebbe di elasticità e lucentezza, diventando vischiosa e pesante. ← Tutto il Food [post_title] => Un popolo di "pastofili" [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => un-popolo-di-pastofili [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-04-28 08:59:57 [post_modified_gmt] => 2015-04-28 08:59:57 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://italianmakersvillage.it/?post_type=portfolio&p=7518 [menu_order] => 0 [post_type] => portfolio [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw )
Categoria / Category

FOOD , Food news