Ricetta: gli Sciatt

Farina di grano saraceno (200 gr)

Farina 00 (100 gr)

Valtellina Casera DOP (250 g)

Grappa (20 ml – facoltativa)

Acqua gassata (345 ml)

Sale (q.b.)

Bicarbonato (2 g)

Olio di semi per friggere (q.b.)

Gli Sciatt sono una specialità tipica della Valtellina: croccanti frittelle tonde che nascondono un saporito cuore di formaggio filante. Come un altro famoso piatto tipico valtellinese, i pizzoccheri, anche gli sciatt sono fatti con grano saraceno, insaporito con un bicchierino di grappa o acquavite e diluito con acqua frizzante oppure birra. La pastella si lascia riposare per una mezz’ora dopodiché si formano le frittelle raccogliendo un cubetto di formaggio, rigorosamente Valtellina Casera, tuffato nella pastella e ben ricoperto da essa, che va buttato subito nell’olio bollente. Una volta dorati, gli sciatt si servono ancora calda su un letto di insalata, tipicamente cicoria!
Nel dialetto valtellinese la parola sciatt vuol dire rospo e forse si riferisce alla forma irregolare delle frittelle oppure allo scrocchiare che fanno in bocca quando si mangiano.

1. Mescolate in una ciotola le due farine, unite la grappa se volete, stemperate il tutto con una frusta e infine versate a filo l’acqua gassata, mescolando di tanto in tanto. Dovrete ottenere un impasto omogeneo, morbido ma non troppo liquido.

2. Salate, unite il bicarbonato, quindi coprite la pastella ottenuta con della pellicola e lasciatela riposare per 30 minuti in frigorifero.

3. Tagliate il formaggio a cubetti delle dimensioni di circa 2 cm.

4. Riscaldate l’olio in una pentola capiente e tuffate un cubetto di formaggio alla volta nella pastella quindi raccoglietelo con un cucchiaio, ben coperto dalla pastella.

5. Lasciate cadere il tutto immediatamente nell’olio bollente aiutandovi con un cucchiaino. Procedete così fino a terminare l’impasto.

6. Una volta dorati, scolate gli sciatt dall’olio e lasciateli asciugare su carta assorbente

Serviteli molto caldi accompagnati da un’insalata di songino, indivia o radicchio!

WP_Post Object ( [ID] => 6940 [post_author] => 2 [post_date] => 2015-04-11 13:55:23 [post_date_gmt] => 2015-04-11 13:55:23 [post_content] => Farina di grano saraceno (200 gr) Farina 00 (100 gr) Valtellina Casera DOP (250 g) Grappa (20 ml - facoltativa) Acqua gassata (345 ml) Sale (q.b.) Bicarbonato (2 g) Olio di semi per friggere (q.b.) Gli Sciatt sono una specialità tipica della Valtellina: croccanti frittelle tonde che nascondono un saporito cuore di formaggio filante. Come un altro famoso piatto tipico valtellinese, i pizzoccheri, anche gli sciatt sono fatti con grano saraceno, insaporito con un bicchierino di grappa o acquavite e diluito con acqua frizzante oppure birra. La pastella si lascia riposare per una mezz’ora dopodiché si formano le frittelle raccogliendo un cubetto di formaggio, rigorosamente Valtellina Casera, tuffato nella pastella e ben ricoperto da essa, che va buttato subito nell’olio bollente. Una volta dorati, gli sciatt si servono ancora calda su un letto di insalata, tipicamente cicoria! Nel dialetto valtellinese la parola sciatt vuol dire rospo e forse si riferisce alla forma irregolare delle frittelle oppure allo scrocchiare che fanno in bocca quando si mangiano. 1. Mescolate in una ciotola le due farine, unite la grappa se volete, stemperate il tutto con una frusta e infine versate a filo l’acqua gassata, mescolando di tanto in tanto. Dovrete ottenere un impasto omogeneo, morbido ma non troppo liquido. 2. Salate, unite il bicarbonato, quindi coprite la pastella ottenuta con della pellicola e lasciatela riposare per 30 minuti in frigorifero. 3. Tagliate il formaggio a cubetti delle dimensioni di circa 2 cm. 4. Riscaldate l’olio in una pentola capiente e tuffate un cubetto di formaggio alla volta nella pastella quindi raccoglietelo con un cucchiaio, ben coperto dalla pastella. 5. Lasciate cadere il tutto immediatamente nell’olio bollente aiutandovi con un cucchiaino. Procedete così fino a terminare l’impasto. 6. Una volta dorati, scolate gli sciatt dall’olio e lasciateli asciugare su carta assorbente Serviteli molto caldi accompagnati da un’insalata di songino, indivia o radicchio! [post_title] => Ricetta: gli Sciatt [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => ricetta-gli-sciatt [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-04-28 09:30:56 [post_modified_gmt] => 2015-04-28 09:30:56 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://italianmakersvillage.it/?post_type=portfolio&p=6940 [menu_order] => 0 [post_type] => portfolio [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw )
Categoria / Category

FOOD , Ricette