La pinsa, questa sconosciuta!

Deriva dal latino “pinsere”, allungare, verbo che spiega anche la forma di questo fantastico prodotto romano che presenta una forma ovale ed è più digeribile, per via di un impasto più leggero e la presenza di acqua fredda, della pizza classica.

A guardarla bene la pinsa dunque non è altro che una schiacciatina che nasce prima della pizza, di preciso all’epoca romana, dall’unione di diversi cereali macinati con acqua, sale ed erbe aromatiche che permettevano ai contadini di utilizzare le materie prime facilmente reperibili in maniera diversa, sostanziosa ma non pesante.

La ricetta classica utilizza un mix di farine diverse, grano tenero, soia e riso impastate con acqua rigorosamente fredda (l’acqua nel caso della pinsa rappresenta ben il 75%-80% dell’impasto!) e lievito in quantità molto basse; l’impasto, altra particolarità, viene lasciato lievitare per minimo 24 ore e massimo 150 ore. Sì, avete capito bene: l’impasto arriva ad una lievitazione di 150 ore, cosa che rende la pinsa fragrante, digeribile e ipocalorica.

Ingredienti per circa 6 pinse romane
1 Kg di mix di grano tenero, soia e riso così composto:
* 800 grammi di farina di grano tenero
* 150 grammi di farina di riso
* 50 grammi di farina di soia
1/2 bustina di lievito secco
20 grammi di sale
10 grammi di olio extravergine di oliva
1 litro di acqua fredda di frigorifero in modo da arrivare all’80% di idratazione
Con le mani miscelare le tre farine quindi aggiungere il lievito e mescolare a mano o con l’impastatrice.

Aggiungere l’80% dell’acqua fredda ed impastare per circa 3-4 minuti.

Aggiungere il sale all’impasto ed impastare ancora quindi aggiungere anche l’olio e continuare ad impastare.

Aggiungere l’acqua fredda restante, impastare ancora per almeno 5 minuti.

Sistemare l’impasto della pinza in una ciotola e metterlo in frigorifero per minimo 24 ore (io di solito lo tengo 48!) quindi, trascorso il periodo della lievitazione, tirarlo fuori e ricavarne i panetti da stendere lasciandoli riposare fin quando non sono raddoppiati di volume ovvero per circa 3 ore.

Riprendere i panetti, stenderli sulle teglie unte e condirle. Cuocere la pinsa in forno caldo a 200° per circa 10 minuti o quando la pinsa risulta croccante all’esterno e morbida all’interno.

WP_Post Object ( [ID] => 11119 [post_author] => 2 [post_date] => 2015-10-07 08:00:01 [post_date_gmt] => 2015-10-07 08:00:01 [post_content] => Deriva dal latino “pinsere”, allungare, verbo che spiega anche la forma di questo fantastico prodotto romano che presenta una forma ovale ed è più digeribile, per via di un impasto più leggero e la presenza di acqua fredda, della pizza classica. A guardarla bene la pinsa dunque non è altro che una schiacciatina che nasce prima della pizza, di preciso all’epoca romana, dall’unione di diversi cereali macinati con acqua, sale ed erbe aromatiche che permettevano ai contadini di utilizzare le materie prime facilmente reperibili in maniera diversa, sostanziosa ma non pesante. La ricetta classica utilizza un mix di farine diverse, grano tenero, soia e riso impastate con acqua rigorosamente fredda (l’acqua nel caso della pinsa rappresenta ben il 75%-80% dell’impasto!) e lievito in quantità molto basse; l’impasto, altra particolarità, viene lasciato lievitare per minimo 24 ore e massimo 150 ore. Sì, avete capito bene: l’impasto arriva ad una lievitazione di 150 ore, cosa che rende la pinsa fragrante, digeribile e ipocalorica. Ingredienti per circa 6 pinse romane 1 Kg di mix di grano tenero, soia e riso così composto: * 800 grammi di farina di grano tenero * 150 grammi di farina di riso * 50 grammi di farina di soia 1/2 bustina di lievito secco 20 grammi di sale 10 grammi di olio extravergine di oliva 1 litro di acqua fredda di frigorifero in modo da arrivare all’80% di idratazione Con le mani miscelare le tre farine quindi aggiungere il lievito e mescolare a mano o con l’impastatrice. Aggiungere l’80% dell’acqua fredda ed impastare per circa 3-4 minuti. Aggiungere il sale all’impasto ed impastare ancora quindi aggiungere anche l’olio e continuare ad impastare. Aggiungere l’acqua fredda restante, impastare ancora per almeno 5 minuti. Sistemare l’impasto della pinza in una ciotola e metterlo in frigorifero per minimo 24 ore (io di solito lo tengo 48!) quindi, trascorso il periodo della lievitazione, tirarlo fuori e ricavarne i panetti da stendere lasciandoli riposare fin quando non sono raddoppiati di volume ovvero per circa 3 ore. Riprendere i panetti, stenderli sulle teglie unte e condirle. Cuocere la pinsa in forno caldo a 200° per circa 10 minuti o quando la pinsa risulta croccante all’esterno e morbida all’interno. [post_title] => La pinsa, questa sconosciuta! [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => la-pinsa-questa-sconosciuta [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-10-07 09:51:24 [post_modified_gmt] => 2015-10-07 09:51:24 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://italianmakersvillage.it/?post_type=portfolio&p=11119 [menu_order] => 0 [post_type] => portfolio [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw )
Categoria / Category

FOOD , Ricette