E’ nata prima la Cotoletta alla Milanese o…

Ancora oggi ci si chiede se sia nata prima una o l’altra. Di cosa stiamo parlando? Della Cotoletta alla Milanese, oggi presentata erroneamente a orecchia d’elefante, e la sorella o cugina Wiener Schnitzel di nazionalità austriaca. Quello che è certo è che se in apparenza si assomigliano, nella realtà per niente! Vediamo perché…

La Cotoletta alla Milanese è una fetta di lombata di vitello con osso (tante è vero che viene chiamata anche costoletta). Viene impanata e fritta nel burro che poi, come se non bastasse, viene versato sulla cotoletta una volta pronta. Se volete quella tradizionale aspettatevela alta, almeno quanto l’osso e dal colore rosato. Altrimenti, se seguite le nuove mode, l’orecchia d’elefante fa per voi: senza osso, la carne viene battuta molte volte così da allargarla fino ad assomigliare, appunto, a un’orecchia d’elefante.

Ingredienti per 4 persone:
4 fette di lombata di vitello da latte con l’osso alte almeno un centimetro
2 uova
pane grattugiato
burro chiarificato (meglio) oppure olio d’oliva
sale q.b.

Preparazione
Battere le cotolette per schiacciarle in modo uniforme e praticare dei piccoli tagli sui bordi. Passare ogni cotoletta nell’uovo e poi nel pangrattato, facendolo aderire bene su entrambi i lati. Lasciare scoperto l’osso. Scaldare il burro chiarificato in una padella e disporre le cotolette, facendole cuocere a fuoco medio fin quando saranno ben dorate. Togliere le cotolette dal fuoco e scolarle nella carta assorbente, salare e servirle calde, accompagnate da una fetta di limone.

La Wiener Schnitzel da parte sua è sì fatta sempre con carne di vitello, ma senza osso. In aggiunta c’è la farina che trasforma la crosta in una copertura dorata.

Ingredienti per 4 persone:

4 fette di vitello di circa 150-200 grammi
2 uova
pane grattugiato
farina
un goccio di latte
burro chiarificato (meglio) oppure olio d’oliva
sale e pepe q.b.

Preparazione
Sbattere le uova intere con una forchetta e aggiungere un goccio di latte. Battere delicatamente la carne per appiattirla, e tagliuzzare leggermente i bordi (serve per evitare che la carne si “arricci” durante la cottura), salare e pepare la carne quindi passarla nella farina. Immergere la carne infarinata nell’uovo sbattuto e poi nel pane grattugiato, premendo leggermente perche aderisca bene. Friggere nel burro chiarificato ben caldo per 2-3 minuti per parte, finche la crosta non diventa dorata. Fare sgocciolare ed eliminare l’unto in eccesso con la carta da cucina. Servire con uno spicchio di limone a parte.

← Tutto il Food

WP_Post Object ( [ID] => 8009 [post_author] => 2 [post_date] => 2015-05-03 09:00:05 [post_date_gmt] => 2015-05-03 09:00:05 [post_content] => Ancora oggi ci si chiede se sia nata prima una o l'altra. Di cosa stiamo parlando? Della Cotoletta alla Milanese, oggi presentata erroneamente a orecchia d'elefante, e la sorella o cugina Wiener Schnitzel di nazionalità austriaca. Quello che è certo è che se in apparenza si assomigliano, nella realtà per niente! Vediamo perché... La Cotoletta alla Milanese è una fetta di lombata di vitello con osso (tante è vero che viene chiamata anche costoletta). Viene impanata e fritta nel burro che poi, come se non bastasse, viene versato sulla cotoletta una volta pronta. Se volete quella tradizionale aspettatevela alta, almeno quanto l'osso e dal colore rosato. Altrimenti, se seguite le nuove mode, l'orecchia d'elefante fa per voi: senza osso, la carne viene battuta molte volte così da allargarla fino ad assomigliare, appunto, a un'orecchia d'elefante.
Ingredienti per 4 persone:
4 fette di lombata di vitello da latte con l’osso alte almeno un centimetro 2 uova pane grattugiato burro chiarificato (meglio) oppure olio d’oliva sale q.b.
Preparazione Battere le cotolette per schiacciarle in modo uniforme e praticare dei piccoli tagli sui bordi. Passare ogni cotoletta nell'uovo e poi nel pangrattato, facendolo aderire bene su entrambi i lati. Lasciare scoperto l’osso. Scaldare il burro chiarificato in una padella e disporre le cotolette, facendole cuocere a fuoco medio fin quando saranno ben dorate. Togliere le cotolette dal fuoco e scolarle nella carta assorbente, salare e servirle calde, accompagnate da una fetta di limone. La Wiener Schnitzel da parte sua è sì fatta sempre con carne di vitello, ma senza osso. In aggiunta c'è la farina che trasforma la crosta in una copertura dorata. Ingredienti per 4 persone:
4 fette di vitello di circa 150-200 grammi 2 uova pane grattugiato farina un goccio di latte burro chiarificato (meglio) oppure olio d’oliva sale e pepe q.b. Preparazione Sbattere le uova intere con una forchetta e aggiungere un goccio di latte. Battere delicatamente la carne per appiattirla, e tagliuzzare leggermente i bordi (serve per evitare che la carne si “arricci” durante la cottura), salare e pepare la carne quindi passarla nella farina. Immergere la carne infarinata nell’uovo sbattuto e poi nel pane grattugiato, premendo leggermente perche aderisca bene. Friggere nel burro chiarificato ben caldo per 2-3 minuti per parte, finche la crosta non diventa dorata. Fare sgocciolare ed eliminare l’unto in eccesso con la carta da cucina. Servire con uno spicchio di limone a parte. ← Tutto il Food
[post_title] => E' nata prima la Cotoletta alla Milanese o... [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => e-nata-prima-la-cotoletta-alla-milanese-o [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-05-03 10:57:27 [post_modified_gmt] => 2015-05-03 10:57:27 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://italianmakersvillage.it/?post_type=portfolio&p=8009 [menu_order] => 0 [post_type] => portfolio [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw )
Categoria / Category

FOOD , Ricette